Preghiera del venerdì santo, il capo dei rabbini italiani: “Inaccettabile preghiera per Ebrei”

Gli ebrei: “La preghiera di Ratzinger? Va contro almeno 40 anni di dialogo”

Il presidente dei rabbini Laras si riferisce alla riformulazione della preghiera per gli ebrei: “Il fatto più grave è che si invitano gli ebrei a riconoscere Gesù Cristo come salvatore”, una concezione rifiutata dall’ebraismo

Roma, 6 febbraio 2008 – Il presidente del collegio dei rabbini d’Italia, Giuseppe Laras, rincara le critiche di parte ebraica nei confronti della modificazione della preghiera per gli ebrei voluta da Benedetto XVI.

Il rabbino Laras nota che il passaggio dalla versione originale a quella modificata da Benedetto XVI (non si parla più di “accecamento” degli ebrei, ma si prega che Dio “illumini” i loro cuori) è “concettualmente equivalente”, per cui “risulta che gli ebrei sono comunque accecati in tema di verità”. La nuova formulazione, per il capo del collegio rabbinico d’Italia, “è solo apparentemente meno forte”.

“Il fatto più grave – per Laras – è che si invitano gli ebrei a riconoscere Gesù Cristo come salvatore”, una concezione rifiutata dall’ebraismo. Se, per il rabbino Laras, il Papa è libero di esprimersi come ritiene “per quello che concerne la sua fede e i suoi fedeli”, la preghiera per gli ebrei è “in netta e pericolosa contapposizione con almeno 40 anni dialogo ebreo-cattolico”. Un dialogo che, alla luce dell’iniziativa del Papa, “sembra non aver sortito nessun concreto risultato”.

La nuova preghiera è vissuta da parte ebraica “come una sconfitta dei presupposti stessi del dialogo”, secondo il rabbino Laras, “perché si legittima anche nella trasposizione liturgica un’idea di dialogo finalizzato, in realtà, alla conversione degli ebrei al cattolicesimo”. Un’eventualità che il numero uno dei rabbini italiani giudica “inaccettabile”. Per Laras, di conseguenza, è necessaria una “pausa di riflessione” nel dialogo tra ebrei e cattolici, per “capire appieno gli intendimenti della Chiesa circa il dialogo”.

La decisione del Papa, resa nota ieri dall”Osservatore romano’, è relativa alla preghiera per gli ebrei contenuta nell’ultima versione del messale pre-conciliare (la cosiddetta messa in latino) liberalizzata da Benedetto XVI con il motu proprio ‘Summorum pontificum‘. La decisione, che intende ammorbidire i termini contenuti nella preghiera per gli ebrei, è stata però criticata, già ieri, da esponenti dell’ebraismo italiano come il rabbino capo della comunità di Roma Riccardo Di Segni.

© Copyright Quotidiano.net, articolo disponibile qui.

About these ads

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: