Archive for gennaio 2008

Cina, monsignor John Tong Hon nominato coadiutore di Hong Kong e designato successore del Cardinale Zen

31 gennaio 2008

CITTA’ DEL VATICANO – Monsignor John Tong Hon, 69 anni, è il nuovo coadiutore della diocesi di Hong Kong. Lo ha nominato Benedetto XVI, indicando così che proprio Tong Hon sarà (ma la data non e’ stata definita) il successore del Cardinale salesiano Joseph Zen Ze-kiun. La nomina di Tong Hon (nella foto), attuale vescovo ausiliare della diocesi, e’ stata ufficializzata dalla Sala Stampa della Santa Sede e si puo’ supporre che sia stata preventivamente comunicata al Governo di Pechino. Non piu’ colonia britannica, Hong Kong e’ tornata infatti dal 2000 alla Repubblica Popolare Cinese anche se gode ancora di una certa autonomia. Nato a Shangai nel 1932, Zen Ze-kiu aveva chiesto gia’ nel 2005 a Benedetto XVI di potersi ritirare, ma il Pontefice per tutta risposta lo aveva elevato alla dignita’ cardinalizia nel suo primo Concistoro fidandosi molto di lui e delle sue doti umani e pastorali.

 

***

Coadjutor Named for Hong Kong

Bishop Hoping to Promote Unity in China

VATICAN CITY Jan. 30, 2008 (Zenit.org).- Benedict XVI today named the auxiliary bishop of Hong Kong to be the diocese’s coadjutor.Bishop John Tong Hon, 68, is thus set to succeed Cardinal Joseph Zen, 76, when he retires. The usual retirement age for bishops is 75. Both prelates were appointed to Hong Kong in 1996.Bishop Tong, an expert on the Catholic Church in China, said in a statement today that he would try to promote “unity among the different groups of the Catholic Church in China and constructive dialogue among the concerned parties.”The bishop said Hong Kong “has been playing an indispensable role of being a bridge Church to China.”

“Following the guidelines of the recent letter of our Holy Father, Benedict XVI, to the Church in China, we will do our utmost to carry on our efforts,” he said. “It is my great expectation that the Chinese government will guarantee full religious freedom for Catholics on the mainland, so that they can make greater contributions to society, and in this way our motherland would also enhance its international status.”

This is the first episcopal appointment for Hong Kong since its handover to China in1997.

John Tong was born in Hong Kong in 1939, and received his priestly formation in Macau, Hong Kong and Rome. He was ordained a priest by Pope Paul VI in 1966.

The Holy See’s communiqué on the appointment said there are some 344,000 Catholics in Hong Kong, served by 283 priests, eight permanent deacons and 811 religious.

The diocese will organize a Mass on Feb. 10 to invoke God’s blessing on Bishop Tong as coadjutor.

 

***

Hong Kong : Nomination d’un évêque coadjuteur, un choix dans la continuité

Nouvelle annoncée en même temps à Rome et à Hongkong

ROME, Mercredi 30 janvier 2008 (ZENIT.org) – Le Saint-Siège et le diocèse de Hong Kong ont annoncé la nomination de Mgr John Tong Hon comme coadjuteur de l’évêque de Hong Kong, ce mercredi 30 janvier, à la même heure. Depuis 1996, il était évêque auxiliaire de ce même diocèse.Le choix de Mgr John Tong pour succéder, le jour venu, au cardinal Joseph Zen Ze-kiun à la tête du diocèse de Hongkong s’inscrit dans la continuité, commente aujourd’hui « Eglises d’Asie » (EDA), l’agence des Missions étrangères de Paris.Agé de 68 ans, né à Hong Kong, issu de l’Eglise diocésaine, Mgr Tong est très proche du cardinal, nommé comme lui, le 9 décembre 1996, à l’épiscopat. Très fin connaisseur des réalités de l’Eglise en Chine, il préside depuis 1980 le Centre d’études du Saint-Esprit, structure où le diocèse de Hong Kong concentre son analyse de la situation de l’Eglise sur le continent, précise EDA.Selon des prêtres de Hong Kong, Mgr John Tong est une personnalité toujours affable et très appréciée du presbyterium local (1) ; il est aussi décrit comme étant un intellectuel.

Modéré dans l’expression, il contraste sur ce point avec le cardinal Zen, un salésien connu pour son franc-parler et pour être la « bête noire » de Pékin du fait de ses prises de position en faveur de la défense des libertés, que ce soit à Hong Kong ou sur le continent. Sur le fond – et notamment sur les questions liées à l’Eglise en Chine et aux rapports avec Pékin -, il fait montre de la même fermeté que le cardinal.

Depuis janvier 2006, souhaitant se consacrer entièrement à l’Eglise en Chine, le cardinal Zen, qui a fêté son 76ème anniversaire le 13 janvier 2008, demandait à Rome d’être déchargé de ses responsabilités à la tête du diocèse de Hongkong (2).

Après que le pape Benoît XVI lui eut demandé de rester à son poste, il avait exprimé le désir d’avoir à ses côtés un coadjuteur.

Ce 30 janvier, après l’annonce de sa nomination, Mgr John Tong a simplement déclaré qu’il s’estimait « inapproprié » pour ce ministère mais qu’il l’acceptait « par obéissance ».

Tous les prêtres du diocèse ont été invités à concélébrer l’Eucharistie à ses côtés lors de la messe d’installation, qui aura lieu à la cathédrale de Hong Kong le 10 février prochain, à 15h.

(1) Hong Kong compte 6,9 millions d’habitants. Les catholiques y sont au nombre de 344 000 (5 % de la population), répartis en 53 paroisses et servis par 291 prêtres, diocésains et religieux, 502 religieuses et dix diacres permanents.

(2) Voir EDA 436, 438, 448, 451, 460

 

***

Nuevo obispo coadjutor para Hong Kong

Monseñor John Tong On sustituirá más adelante al cardinal Zen
HONG KONG, miércoles, 30 enero 2008 (ZENIT.org).- Monseñor John Tong On, de 69 años, ha sido nombrado por Benedicto XVI obispo coadjutor de la diócesis de Hong Kong, de la que era obispo auxiliar desde 1996, informó este miércoles la Oficina de Información de la Santa Sede.

Monseñor Tong, «agudo intelectual, gran experto en las lenguas, en la cultura y en la teología», como le presenta la agencia del Pontificio Instituto para las Misiones Extranjeras (PIME), «AsiaNews», se convierte en el sucesor designado del cardenal Joseph Zen, que a sus 76 años ha pedido en varias ocasiones al Papa poder retirarse.

Actualmente es responsable del Centro de Estudios Espíritu Santo, importante foco de documentación sobre la Iglesia y la cultura china.

En una declaración difundida este miércoles explica que «nuestra evangelización y nuestro testimonio a través de las parroquias, las escuelas, la atención a los enfermos y los servicios sociales están llenos de fruto», pero «se da carestía de sacerdotes locales, diáconos, hombres y mujeres consagrados».

«Os pido que recéis pro la promoción de las vocaciones, incluida la vocación al matrimonio cristiano, también ésta llena de desafíos», ha añadido.

Asimismo, en el mensaje desea que se mantengan «relaciones positivas y estables con diferentes confesiones cristianas y con las demás religiones».

 

***

教宗正式任命汤汉辅理主教为香港教区助理主教

香港(亚洲新闻)—今天,现年六十九岁的香港教区辅理主教汤汉被任命为香港教区助理主教。自一九九六年以来,汤汉蒙席一直担任香港教区辅理主教。 汤主教是一位修养极深的学者,对文化、神学和语言均有高深造诣。为此,被任命为香港教区现主教陈日君枢机的继承人。七十五岁的陈枢机,已经多次向教宗提出了退休的申请。

原籍香港的汤汉主教是陈日君枢机的亲密助手,,对中国教会状况非常了解。目前

为香港教区圣神研究中心负责人。这一中心,是专门研究中国教会与文化的机构。

今天,香港教区发表的一份汤汉主教的声明中——本社全文发表,盛赞陈枢机“非常出色”的工作。两位教区领导人,历来配合默契。

在突出强调了许多外籍传教士为香港地方教会作出的贡献后,汤主教指出了香港教会的桥梁教会作用。最后,汤主教表示,“教 区对中国担当着日形需要的桥梁教会角色,亦常推动中国教会内不同团体迈向共融合一,促使各有关方面展开有建设性的交谈。秉承教宗本笃十六世致中国教会信函 的指示,我们将谋求进展,不遗余力。愿中国政府早日保障国内天主教徒享有完全的宗教自由,俾他们能对社会作出更大贡献,使祖国亦因而享有更高国际地位”。

Mons. John Tong Hon

Annunci

Gerusalemme sotto la neve

30 gennaio 2008
Gerusalemme sotto la neve
La prima vera nevicata dell’anno ha colto impreparata Gerusalemme. La città, svegliatasi sotto a una fitta coltre bianca, è rimasta paralizzata: chiuse le scuole, cancellate le lezioni universitarie, trasporto pubblico in tilt

Benedetto XVI: sulla strada per la Terra Santa l’ostacolo Pio XII prossimo “beato”

30 gennaio 2008

ROMA – Mercoledì 30 gennaio 2008 (Vatican Diplomacy). Pubblichiamo le considerazioni di Maurizio Di Giacomo per “Nuova Agenzia Radicale” in merito alla beatificazione di Pio XII e le possibili conseguenze di immagine che essa potrebbe avere in Israele per Benedetto XVI.

di MAURIZIO DI GIACOMO

La commissione istituita in seno alla segreteria di stato vaticana da Benedetto XVI, per vagliare la documentazione raccolta circa la causa di beatificazione di Pio XII, ha terminato i suoi lavori. Le conclusioni sono state fatte pervenire al Pontefice a cui spetta ora decidere se pubblicare il decreto che riconosce l’eroicità delle virtù di Pio XII (se ciò avvenisse, Pio XII potrebbe fregiarsi in maniera pubblica e legittima del titolo di ”venerabile”) oppure se prendere altro tempo.

Quest’anno il 9 ottobre 2008 cadono i 50 anni dalla morte di Pio XII, al secolo il cardinale Eugenio Pacelli già segretario di Stato sotto Pio XI. La sua causa di beatificazione sta per toccare i 43 anni, essendo stata introdotta nell’autunno 1965.

Benedetto XVI aveva posto alla commissione succitata due interrogativi: un Pio XII ”beato” che conseguenze potrebbe avere nel dialogo tra cattolici e ebrei e nelle relazioni diplomatiche tra la Santa sede e lo stato di Israele?

Pio XII, infatti, per milioni di ebrei è associato al suo controverso ruolo rispetto alla shoah. I cattolici più tradizionali sostengono che quel pontefice abbia ”parlato” in difesa degli ebrei braccati dalle truppe tedesche hitleriane. Molti altri (compresi diversi ebrei) controbattono che, sì, quel papa ha aiutato centinaia di migliaia di perseguitati ma senza sconfessare in sede pubblica le atrocità del regime nazista.

Una didascalia in margine a una foto di Pio XII nel museo della shoah, a Gerusalemme, lo scorso anno aveva provocato tensioni al limite dell’incidente diplomatico tra Santa sede e stato di Israele.

Ma c’è un altro elemento da considerare: Benedetto XVI vorrebbe visitare la Terra santa (che oggi comprende territori israeliani e zone nella sfera dell’autorità palestinese), quando le condizioni geo-politiche glielo consentiranno, sulle orme di Giovanni Paolo II che vi andò nel corso del 2000. Se la conferenza di Annapolis (negli Usa) darà vita sul serio a un accordo di pace il desiderio di Benedetto XVI potrebbe realizzarsi.

Tuttavia resta un nodo: un Pio XII, proclamato ‘beato’, cioè con un miracolo ufficialmente riconosciutogli (dopo l’eroicità delle virtù) avvicina o allontana Benedetto XVI in Terra santa? Ecco il dilemma che sta sul tavolo del Pontefice e tra i dossier in evidenza del segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone.

Fonte:Nuova Agenzia Radicale

Arcivescovo di Hanoi: Pronto ad andare in prigione per il mio gregge

30 gennaio 2008

di J.B. An Dang
La stampa di stato accusa il prelato e i sacerdoti della capitale di manipolare il popolo “ingenuo”. I cattolici continuano i loro raduni attorniati da poliziotti. Si teme qualche azione di forza.

HANOI – Mercoledì, 30 gennaio 2008 (AsiaNews) . Continua il sit-in dei cattolici di Hanoi nel giardino dell’ex nunziatura, nonostante l’ultimatum lanciato dal governo di liberare il sito dalle 5 del pomeriggio di domenica scorsa. I giornali statali lanciano una nuova ondata di insulti su vescovo e fedeli. Alcuni cattolici pensano che questo sia un preparare il terreno a un gesto di forza.

Dal 23 dicembre l’edificio della ex nunziatura vaticana nella capitale è punto di raccolta di migliaia di cattolici che domandano di riavere indietro l’edificio sequestrato dallo stato nel ’59 e che ora sta per essere venduto per fare ristoranti e night club. Il governo locale ha già minacciato “azioni estreme” se i gruppi di fedeli che continuano a pregare davanti l’edificio e nel giardino non smettono di “minare all’ordine pubblico”.

P. Joseph Nguyen commenta ad AsiaNews: “Attualmente, nel giardino della ex nunziatura vi sono centinaia di religiosi e religiose, insieme a tanti laici che pregano. Ma vi sono anche un gran numero di poliziotti della sicurezza, in uniforme e in borghese. Si mescolano alla gente e prendono foto, filmano con delle videocamere. Temo che ci possa essere un attacco da un momento all’altro.

L’arcivescovo, mons. Joseph Ngô Quang Kiệt, ci ha detto che pregare è un diritto umano basilare, protetto dalla legge e che lui è pronto ad andare anche in prigione per il suo gregge, se il governo fa una prova di forza”.

Intanto una nuova campagna stampa accusa i fedeli cattolici di essere “ingenui” e di confidare troppo nei loro leader che vogliono “impadronirsi illegalmente dell’edificio”. Anche il giornale della polizia, il Capital security, accusa il clero di Hanoi di “mentire al loro popolo” e di “costringerli a dimostrare contro il governo”.

Joseph Vu Van Khoat,che da venerdì scorso continua il sit-in nel giardino della residenza, bolla le cose dei giornali come “senza senso”. “Non mi interessa quello che scrivono – dice ad AsiaNews. Basta andare per le strade e domandare a chiunque: nessuno crede loro. Tutti sanno che siamo qui per pregare pacificamente e per chiedere giustizia. Ma è il loro lavoro raccontare bugie”.

“Perché non pubblicano sui giornali la dichiarazione dell’arcivescovo?” si domanda Maria Doan Thi Tuyet. Il 28 gennaio a diocesi ha infatti diffuso una dichiarazione in cui si spiega che l’edificio della nunziatura non è mai stato “donato” (come invece pretende il governo locale). Esso inoltre afferma che il raduno dei cattolici è perfettamente legale (V.: Cattolici di Hanoi continuano la protesta sfidando l’ultimatum del governo).

“In quel comunicato – continua la signora Doan Thi Tuyet – l’arcivescovo risponde punto per punto a tutte le accuse della stampa. Noi continuiamo a protestare perché siamo vittime di uno spirito ideologico. Per 30 anni abbiamo presentato richiesta di riavere indietro l’edificio e non abbiamo mai ricevuto risposta. Il governo tratta sempre noi cattolici come cittadini di seconda classe”

***


Archbishop of Hanoi: ready to go to prison for my flock

by J.B. An Dang

State press accuses the prelate and priests of the capital of manipulating the “naïve” people. Catholics continue to gather surrounded by police. Show of force feared.

Hanoi (AsiaNews) – Hanoi’s Catholics continue their sit-in in the gardens of the ex-nunciature, despite the government ultimatum to free the area by 5pm Sunday last. State newspapers launch a new wave of insults directed at the bishop and faithful. Some Catholics believe this slander campaign is preparing the ground for a show of force.

Since December 23 the former residence of the Vatican nunciature in the capital has been the focus of gatherings for thousands of Catholics who demand the building sequestered by the government in ’59 and set to become a restraint and night club be returned. The local government has already threatened “extreme action” if the group of faithful persists in holding prayer vigils in front of the building and in the garden and if they do not desist in “undermining public order”.

Fr. Joseph Nguyen tells AsiaNews: “At the moment there are hundreds of religious together with many lay faithful gathered in the garden of the ex nunciature in prayer. But there are also a great many police in uniform and in plain clothes. These mix among the people taking photos and making films with video cameras. I fear an attack at any moment.

The Archbishop, Msgr. Joseph Ngô Quang Kiệt, has told us that praying is a basic human right protected by the law and that he is ready to even go to jail for his flock, if the government makes a show of force”.

Meanwhile a fresh press campaign accuses the Catholic faithful of “naivety” and in trusting too much in their leader. Papers also accuse them of aiming to “illegally take possession of the building”. Even the police newspaper Capital security, accuses the Hanoi clergy of “lying to their people” and of “forcing them to demonstrate against the government”.

Joseph Vu Van Khoat, who has been taking part in the sit-in in the residence garden since last Friday has described the paper’s claims as “nonsense”. He told AsiaNews: “I don’t care what they say. You go out and ask anyone on the streets. No one believes them. In fact, those who have written such articles know well that we have gathered here voluntarily to pray peacefully for justice. But it’s their job to spread lies”.

“Why don’t they publish the Archbishops statement in the papers?” wonders Maria Doan Thi Tuyet. In fact on January 28th, he issued a statement explaining that the nuciature residence was never “donated” (as the local government claims). The communiqué also affirms that the gathering of the Catholics is perfectly legal (see: Hanoi’s Catholics continue protests defying the government’s ultimatum).

“In that communiqué– continues Doan Thi Tuyet – “the Archbishop argued point-by-point all charges levelled on us. We have been holding protesters because we are victims of a partisan spirit. For 30 years we have forwarded petitions asking for the requisition of the building. They all have gone unanswered. The government always treats Catholics as second-class citizens”.

La Cei sulla crisi di governo: accordo tra le parti per il bene comune

29 gennaio 2008

ROMA – Martedì 29 gennaio 2008 (Vatican Diplomacy). La conferenza stampa del segretario generale della Cei, mons. Giuseppe Betori, ruota intorno a molti argomenti. Inevitabile però, l’eco legato ad alcune dichiarazioni sulla crisi di governo. I vescovi non entrano nei dettagli, ma fanno capire di sostenere un accordo tra le parti. Pieno sostegno a Napolitano (”I cittadini possono aver fiducia in questo presidente della Repubblica”) e invito a perseguire il bene comune, aspetto da anteporre sempre “agli interessi di parte”. “La soluzione alla crisi di governo – ha detto Betori – dovrebbe nascere da un accordo fra le parti e deve avere come proprio orizzonte il rispetto dell’autentica democrazia”. Quanto alla cosiddetta “cosa bianca”, eventuale nuova forza legata al mondo cattolico, “non spetta a noi dare né il permesso nè la preclusione e nemmeno il sostegno”. “Noi rispettiamo la libertà del cattolico – ha aggiunto Betori – e mi piace ricordare quanto ha sottolineato Papa Benedetto XVI a Verona: ‘il compito di agire in ambito politico nonè della Chiesa ma dei laici che agiscono come cittadini sotto la proprio responsabilità’. Per questo non oppongo preclusioni – ha concluso Betori – e non prometto alcun sostegno”.

Per il resto, il segretario generale della Cei si è soffermato sul tema dell’aborto e la moratoria, chiedendo una “piena attuazione della 194, in particolare negli articoli 1, 3, 5, e appoggi consistenti per chi aiuta la donna che deve essere libera di non abortire”. “La proposta va chiarita a diversi livelli: c’è l’invito a immettere nella Carta delle Nazioni Unite il concetto della protezione del concepito – ha spiegato Betori – in secondo luogo vanno appoggiate le azioni internazionali che ostacolano l’aborto imposto da parte di governi che vogliono pianificare le nascite; inoltre in Italia – ha aggiunto – si deve far sì che l’aborto diventi sempre meno fino a non esserci più. Infine occorre favorire un clima culturale che faccia percepire la gravità dell’aborto, non come diritto ma come una sconfitta da evitare, per la donna, per la famiglia e per la società”.

Si parla poi del ruolo dei cattolici e della Chiesa in Italia, partendo dalla recente prolusione del cardinale Bagnasco al consiglio permanente della Cei. “Analisi realistica anche della vita del nostro Paese – ha detto Betori – attraversato da molteplici contraddizioni sia sul versante antropologico, in cui sono posti radicalmente in questione i valori della vita e della famiglia fondata sul matrimonio, sia su quello sociale, con la crisi di fiducia nei confronti delle istituzioni, il vacillare della coesione sociale e il crescere delle situazioni di povertà e di degrado ambientale”. “La fede cristiana – ha aggiunto – è messa oggi alla prova da una duplice forma di irrilevanza. Da un lato, si è tentati da una sorta di ‘criptodiaspora’, che esaurisce l’agire ecclesiale all’interno delle comunità, privando l’annuncio della sua dimensione pubblica e sociale e confinandolo negli spazi dell’intimismo e dell’individualismo. Dall’altro – ha proseguito Betori – si fa strada una lettura del cristianesimo come ‘religione civile’, che toglie all’evangelizzazione la sua nota di eccedenza rispetto a ogni ideologia meramente umana”.

Il segretario generale ha annunciato inoltre la stesura di un documento sull’impegno sociale e politico dei cattolici. “Il testo dev’essere ancora pensato nella struttura e nei contenuti – ha detto Betori – per ora è stato avviato un primo momento di riflessione che apre il percorso dell’elaborazione e della stesura”. La motivazione? “E’ evidente: dare compiutezza a una serie di interventi che finora sono stati fatti sugli aspetti politici dalla Commissione per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace”. Il numero due della Cei ha anche annunciato che “il tema è la formazione”, con l’obiettivo di “individuare linee di formazione di tutti i credenti sugli aspetti riguardanti l’impegno sociale e politico”.

In arrivo anche un documento sul sostegno economico alla Chiesa, a venti anni dall’entrata in vigore dell’8 per mille, uno strumento che ha garantito trasparenza. “Per la Chiesa è sempre stato difficile parlare di soldi, – è il ragionamento di Betori – ma il nuovo sistema ci ha insegnato a trattare l’argomento in modo più sereno. E sull’8 per mille oggi c’è una trasparenza assoluta: non c’è voce che non venga rendicontata, sia a livello diocesano che nazionale”.

Non manca infine un accenno all’emergenza campana dei rifiuti, con un “pieno sostegno e appoggio” al commissario Gianni De Gennaro. “Come in passato c’era stato l’appoggio della Cei al commissario Guido Bertolaso – ha detto monsignor Giuseppe Betori – ora posso ribadire lo stesso appoggio al commissario Gianni De Gennaro. I vescovi – ha aggiunto – esprimono la massima solidarietà al cardinale Sepe che con grande saggezza sta gestendo la situazione e invitano i cittadini ad aiutare e collaborare con le autorità costituite per dare soluzione al grave problema”.