Lettera del Santo Padre al Presidente della Conferenza episcopale del Kenya

CITTA’ DEL VATICANO – Sabato 5 gennaio, 2008. In considerazione degli eventi che in questi giorni passati hanno profondamente turbato la civile convivenza in Kenya, il Santo Padre, tramite lettera a firma del Cardinale Segretario di Stato, ha fatto pervenire al Presidente della Conferenza Episcopale del Kenya, Arcivescovo di Nairobi, Em.mo Card. John Njue, la propria solidarietà alle vittime e l’accorato invito alla pace e al dialogo.
Pubblichiamo di seguito il testo della Lettera del Santo Padre a firma del Cardinale Segretario di Stato:

LETTER OF HIS HOLYNESS BENICT XVI SIGNED BY CARDINAL TARCISIO BERTONE TO CARDINAL JOHN NJUE PRESIDENT OF KENYA EPISCOPAL CONFERENCE:
(Original text)

His Eminence Cardinal John Njue
Archbishop of Nairobi
President of the Kenya Episcopal Conference

Your Eminence,

His Holiness Pope Benedict XVI has followed with deep sorrow and concern the violence which has broken out in your country, and he has asked me to address this letter to you, in your capacity as the President of the Kenya Episcopal Conference, in order to express his unity and solidarity with your Brother Bishops and all your countrymen, and to assure you of his prayers that this great tragedy will soon come to an end.

The Pope is close in spirit to all the victims of this violence: the many persons who have lost their lives, often atrociously, the grieving members of their families, the wounded, those who are dispossessed or had to abandon their homes, and all those who are threatened and living in fear. Entrusting those who have died to the Lord’s mercy, he invites you to reach out generously to all those in distress and need.

It is His Holiness’s heartfelt hope that this beloved Nation, whose experience of social tranquility and development represents an element of stability in the entire troubled region, will banish as quickly as possible the threat of ethnic conflict which continues to result in so many crimes in certain parts of Africa.

His Holiness therefore associates himself with the Message My Peace I Give You, which the Bishops of the Catholic Church in Kenya addressed to Christians and to all the people of your country. He pleads for an immediate end to acts of violence and fratricidal conflict. Violence is futile as a means of resolving problems; it only exacerbates them and leads to unprecedented suffering!

The Pope also appeals to political leaders, who are responsible for the common good, and invites them to embark resolutely on the path of peace and justice, since the country needs peace that is based on justice and brotherhood. He encourages them to resolve the present difficulties through dialogue and democratic debate, heeding the practical suggestions which you offered in your Message.

Just a few days ago, at the beginning of the new year, the World Day of Peace was celebrated with the theme: “The Human Family, a Community of Peace” In this context the Holy Father expresses his hope that all Kenyans will work to make their country ever more like a family in which all see themselves as brothers and sisters whose relationships are marked by justice and love. He likewise asks believers to pray tirelessly to God for the great gift of peace. For these intentions he cordially imparts to you, Venerable Brothers, and to all the priests, men and women religious and the faithful a special Apostolic Blessing.

Joining His Holiness in expressing these sentiments, I take this occasion to offer you my warm and respectful greetings.
Yours sincerely in Christ,

Card. Tarcisio Bertone
Secretary of State

[00018-02.01] [Original text: English]

 

LETTERA DI SUA SANTITA’ BENDETTO XVI, A FIRMA DEL CARDINALE TARCISIO BERTONE, SEGRETARIO DI STATO, AL CARDINALE JOHN NJUE, PRESIDENTE DELLA CONFERENZA EPISCOPALE DEL KENYA :
(Testo originale tradotto dalla lingua inglese)

Vostra Eminenza

Il Santo Padre Benedetto XVI, il Quale segue con profondo dolore e preoccupazione i sanguinosi eventi che in questi giorni si stanno susseguendo nella vostra Patria, mi ha incaricato di scrivere a Lei, in quanto Presidente della Conferenza Episcopale del Kenya, questa lettera per esprimere la sua vicinanza e la sua solidarietà ai Vescovi e a tutti i connazionali, come pure per assicurarvi la Sua preghiera affinché si affretti la fine di così grande tragedia.

Il Papa porta nel suo cuore tutte le vittime di questi disordini: le numerose persone che hanno perso la vita, spesso in maniera atroce, e i familiari che li piangono, i feriti, coloro che hanno perduto i loro beni o hanno dovuto abbandonare le loro case, quanti sono minacciati e vivono nella paura. Affidando i primi alla misericordia del Signore, invita a stendere generosamente la mano verso tutti quelli che si trovano nell’angustia e nella necessità.

È viva speranza di Sua Santità che da questa amata Nazione, la quale ha conosciuto tempi di tranquillità sociale e di sviluppo, rappresentando di conseguenza un elemento di stabilità nell’intera travagliata regione, venga allontanato al più presto lo spettro del conflitto etnico, che tanti misfatti ha consumato e continua, purtroppo, a consumare in alcune parti del Continente africano.

Per questo, unendosi al messaggio “My peace I give you”, che voi Vescovi della Chiesa cattolica in Kenya avete indirizzato ai cristiani e a tutti gli abitanti del Paese, il Santo Padre formula un accorato appello affinché cessino subito le violenze e le lotte fratricide. A nulla serve la violenza, non certo a risolvere i problemi; anzi li acuisce e provoca inaudite sofferenze!

Il Papa si rivolge anche agli uomini politici, che hanno la responsabilità del bene comune, chiedendo loro di imboccare risolutamente la via della pace e della giustizia, perché il Paese ha bisogno di una pace fondata sulla giustizia e sulla fratellanza, e quindi di trovare la soluzione alle presenti difficoltà attraverso il dialogo e il confronto democratico, prestando attenzione anche ai suggerimenti pratici che voi avete indicato nel vostro messaggio.

Ad appena alcuni giorni dall’inizio dell’anno nuovo, in cui è stata celebrata la Giornata Mondiale della Pace, dal tema: “Famiglia umana, comunità di pace”, il Santo Padre auspica che tutti i keniani sappiano costruire il loro Paese come una famiglia, in cui si sentano fratelli e sorelle e improntino i loro rapporti alla giustizia e all’amore e chiede ai credenti di implorare incessantemente Dio per il grande dono della pace. Per queste intenzioni, Egli imparte di cuore a voi, venerati fratelli, ai sacerdoti, ai religiosi, alle religiose e ai fedeli una speciale Benedizione Apostolica.

Da parte mia, mi associo ben volentieri ai sentimenti di Sua Santità e profitto dell’occasione per porgervi deferenti e cordiali saluti.

Dal Vaticano, 5 gennaio 2008

Cardinale Tarcisio Bertone
Segretario di Stato

Fonte/Source: http://www.vatican.va
© Libreria Editrice Vaticana

 

 

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: