La cancellazione della visita papale alla Sapienza sulla stampa estera

CITTA’ DEL VATICANO – Mercoledì, 16 gennaio 2008 (Vatican Diplomacy). Dopo la CNN diamo uno sguardo alle principali testate estere :

Papal visit scuppered by scholars

Pope Benedict XVI has cancelled a visit to a prestigious university in Rome where lecturers and students have protested against his views on Galileo.

 

The Pope had been set to make a speech at La Sapienza University on Thursday.

Sixty-seven academics had said the Pope condoned the 1633 trial and conviction of the astronomer Galileo for heresy.

The Vatican insists the Pope is not “anti-science” – but in light of the protests they have decided it would be better for him not to attend.

Galileo had argued that the Earth revolved around the Sun.The Vatican says the Pope will now send his speech to La Sapienza, instead of delivering it in person.
 
Landmark controversy
 
Pope Benedict was in charge of Roman Catholic doctrine in 1990 when, as Cardinal Ratzinger, he commented on the 17th-Century Galileo trial.In the speech, he quoted Austrian-born philosopher Paul Feyerabend as saying the Church’s verdict against Galileo had been “rational and just”.
 
Galileo’s inquisitors maintained the scriptures indicated the Earth was stationary.Galileo, a devout Catholic, was forced to renounce his findings publicly.Fifteen years ago Pope John Paul II officially conceded that in fact the Earth was not stationary.The academics at La Sapienza signed a letter saying the Pope’s views on Galileo “offend and humiliate us”.They said it would be inappropriate for the Pope to open their academic year on Thursday.”In the name of the secular nature of science we hope this incongruous event can be cancelled,” said the letter addressed to the university’s rector, Renato Guarini.In a separate initiative, students at La Sapienza organised four days of protest this week. The first revolved around an anti-clerical meal of bread, pork and wine, the BBC’s Christian Fraser reports from Rome.The banner at their lunch read: “Knowledge needs neither fathers nor priests”.Vatican Radio said the protest at La Sapienza had “a censorious tone”.

Story from BBC NEWS:
http://news.bbc.co.uk/go/pr/fr/-/2/hi/europe/7188860.stm

Published: 2008/01/15 18:42:11 GMT

© BBC MMVIII

 
*******************

Tuesday, Jan. 15, 2008

Pope Cancels University Visit

After three days of rising protests from students and professors, Pope Benedict XVI has pulled out of a long scheduled visit Thursday to Rome’s historic La Sapienza University. The surprise announcement Tuesday afternoon caps a high-stakes academic firefight between fiercely secular scholars and the former professor Pontiff that included a letter from 67 faculty members calling for the cancellation of Benedict’s speech.

The Pope’s opponents burst out in celebration at the east Rome campus when reached with the news of the cancellation. The Vatican released a statement saying it now viewed the visit as “inopportune” in light of protests they say could damage the pontiff’s image. But by backing out under pressure from his secular foes, the 80-year-old Pope may yet have the last word in this battle over the meaning of “reason” in today’s intellectual debate. For the whiff of censorship toward a figure who is welcomed in myriad settings across the world — both for his position and his intellect — may offer ammunition for Benedict’s belief that he is something of a “Pope under siege” in the face of the prevailing secular winds of his times.

The Pontiff had been invited by the La Sapienza rector to speak at the annual ceremony to inaugurate the academic year. Over the weekend, unwelcoming banners were already appearing on campus saying “No to the Pope” and “La Sapienza Hostage to the Pope,” and several left-wing student groups had promised widespread heckling for Benedict’s arrival on Thursday. But perhaps most notable was the professors’ letter, which was printed in the Rome daily La Repubblica, calling on school officials to cancel the papal appearance, which they said was “incompatible” with the university’s secular mission.

The rector of the 705-year-old university adamantly defended his invitation, which he says he’d do “100 times” over, and Vatican radio warned of “censorship” on the part of the protesting profs. The letter, which was signed by several notable members of the Physics faculty, cites a 1990 speech made by Benedict, then the Vatican Cardinal in charge of Church doctrine, describing the Church’s 17th century heresy trial against Galileo as “reasonable and fair.” The famed Tuscan-born astronomer had been prosecuted for affirming that the Earth was not the center of the universe, but in fact orbited the Sun along with the other planets. Two years after the then Cardinal Joseph Ratzinger’s speech, Pope John Paul II expressed regret for how the Church had treated Galileo, whose heliocentric theories have long since been proven correct. The future Pope’s words, reads the text of the professors’ letter, “offend and humiliate us as scientists faithful to reason and as teachers who dedicate our lives to the advancement and spread of knowledge.”

The truth is that neither Benedict nor his secular critics in Rome are all that interested in revisiting the debates of the past; there is plenty of fresh intellectual manna now to tussle over. And Benedict, with his rigorous academic background, is increasingly the focus of the attention. Indeed, the most highly charged moment of Benedict XVI’s papacy thus far came in the gracious confines of a German university lecture hall. On that late afternoon of September 12, 2006, the Pope’s discourse on faith, reason and violence at the University of Regensberg, where he’d once taught theology, was greeted with long and warm applause by the audience of academics proud that their fellow Bavarian intellectual had risen to the throne of St. Peter. Only later was the lasting significance of the lecture registered: Muslims expressed outrage at references to the prophet Muhammed, and the implication that Islam was predisposed to violence, whereas papal supporters praised Benedict for the frankness of his argument in light of world events.

As opposed to the “inter-civilization” fallout from the 2006 Regensberg address, the battlelines being drawn around La Sapienza were part of an ongoing internal struggle within the West. The public skirmishes occur on the now familiar terrain of bioethics, abortion, Darwin, and separation of church and state. But being a lifelong man of study and reflection, Benedict also sees the source for much of the conflict in how ideas germinate and spread on university campuses. Biographers say his experience as a professor during the student upheavals of the late 1960s — where he believed a godless pursuit of personal freedom was spiraling out of control — helped shape his view of contemporary secular culture and the current state of academia.

Forty years later, he appears only more convinced that something is awry. In the same Regensberg lecture that criticized Islam for lacking a fundamental belief in reason, the Pope was also sending a warning to the West that reason itself was suffocating faith and destroying its historical identity. By offering himself up as victim of the La Sapienza professors he can cite further evidence for this argument right in his own backyard.

Copyright © 2008 Time Inc.

*******************

 

lemonde.fr  
Benoît XVI renonce à se rendre à La Sapienza

Reuters 15.01.08 | 20h46

 

Par Phil Stewart

ROME (Reuters) – Benoît XVI a annulé la visite qu’il devait effectuer jeudi à la prestigieuse université de La Sapienza à Rome à la suite de manifestations d’étudiants et d’enseignants contre la venue du pape.

Après avoir résisté aux appels visant à annuler sa venue, le Vatican a annoncé mardi que le chef de l’Église catholique avait décidé de reporter sa visite.

Le pape bavarois devait prendre la parole à l’occasion de l’inauguration de l’année universitaire 2008, dont le thème est la peine de mort, que le Vatican comme l’Italie combattent à travers le monde.

Selon le Saint-Siège, Benoît XVI fournira tout de même le texte du discours qu’il avait projeté de lire.

“Je suis très déçu. On peut ne pas partager toutes les idées du pape et le laisser tout de même s’exprimer”, a déclaré à la presse le ministre des Universités, Fabio Mussi.

Les manifestants ont occupé les bureaux du chancelier de l’université pour exiger le droit de manifester dans l’enceinte de l’établissement lors de la venue de Benoît XVI. “Le pape prend La Sapienza en otage. Libérez les penseurs!”, proclamait une banderole.

La controverse n’a cessé de s’étendre depuis une pétition de 67 professeurs de l’université Rome I – sur 5.000 – présentant le pape comme un théologien rétrograde qui place la religion au-dessus de la science et ne devrait donc pas être autorisé à prendre la parole dans un temple de la pensée laïque.

La protestation de certains enseignants et étudiants s’appuie sur un discours prononcé en 1990 par celui qui n’était encore que le cardinal Joseph Ratzinger. Ce discours, affirment-ils, démontre que le futur pape soutenait le procès en hérésie intenté en 1633 contre Galilée pour avoir osé affirmer que la Terre tourne autour du Soleil.

CENSURE OU DÉFENSE DE LA LAÏCITÉ ?

Ils dénoncent la venue du pape dont les analyses, disent-il, “nous offensent et nous humilient”.

Pour ses partisans, le pape n’a fait que reprendre un philosophe autrichien qui avait jugé que le procès de Galilée était “rationnel et juste”, sans apporter sa caution intellectuelle à ce jugement.

“Il a exprimé une position différente, prenant ses distances vis-à-vis de cette doctrine qu’il n’a pas absolument faite sienne”, écrit le quotidien conservateur Il Giornale, qui a publié un extrait de ce discours.

La polémique a rebondi sur le thème de la laïcité: un groupe d’étudiants a proclamé une “semaine anticléricale” dans l’enceinte de La Sapienza.

“Je pense que la visite du pape n’est pas une bonne chose car la science n’a pas besoin de la religion. L’université est ouverte à toute forme de pensée, la religion ne l’est pas”, a déclaré Andrea Sterbini, professeur d’informatique et signataire de la pétition.

Mais l’affaire a également permis au pape de trouver des soutiens inattendus, comme celui du prix Nobel de littérature 1997, le dramaturge Dario Fo, qui n’a jamais épargné ses critiques contre l’Église mais défend le droit de Benoît XVI à s’exprimer.

“Je suis contre toute forme de censure parce que le droit à l’expression est quelque chose de sacré”, a-t-il dit au quotidien La Repubblica.

D’autres, champions de la laïcité, ont saisi l’occasion pour se plaindre de l’influence que conserve à leur grande fureur l’Église catholique dans la société italienne.

L’une des plus grandes universités du monde, La Sapienza, fondée en 1303 par le pape Boniface VIII, rassemble aujourd’hui une vingtaine de facultés et compte 150.000 étudiants.

avec Cristiano Corvino et Antonio Denti, version française Henri-Pierre André, Guy Kerivel et Jean-Loup Fiévet

© Le Monde.fr

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

7 Risposte to “La cancellazione della visita papale alla Sapienza sulla stampa estera”

  1. Redazione Says:

    Sulla superficialità che ammala il nostro laicismo, ormai incapace del confronto, vi invito a leggere questa breve riflessione sul mio blog.

    http://eftorsello.wordpress.com/2008/01/15/la-figuraccia-della-sapienza/

    a presto

  2. QueerZone Says:

    Ecco una dichiarazione che mi è piaciuta di Pannella (Radicali Italiani):

    “Benedetto XVI soprassiede dunque. Ma potremmo certamente consolarci di questa sua decisione di non parlare in quella sede: potremmo sicuramente consolarci ascoltandolo, come quasi ogni giorno a reti unificate nei telegiornali dall’alba a tarda notte.”

    “Oggi tutti dicono che il Papa deve avere diritto di parola. Nessuno, nessuno, nessuno dice che forse potremmo averlo anche noi”

    E Boselli del Partito Socialista:

    “Nessuno vuole mettere il bavaglio al Papa che è libero di dire ciò che vuole. Deve essere però chiaro che se Benedetto XVI come ormai fa puntualmente interviene direttamente su temi fondamentali come la sessualità e la libertà della scienza, invocando il braccio secolare dello Stato per far diventar legge il suo magistero, è inevitabile che sia coinvolto in polemiche e contestazioni. Nessuno deve impedirgli di parlare perchè questo sarebbe un atto illiberale, ma nessuno può vietare manifestazioni di protesta che si svolgono nei limiti della legge”

  3. vaticandiplomacy Says:

    Che dire? …forse che in sessant’anni di democrazia in Italia non si è imparato poi molto se per avere diritto di parola bisogna orchestrare una scenetta che schernisce la religione cattolica e la sua massima guida spirituale…

    Che sarebbe successo se fosse stato invitato un leader Musulmano? o come qualcuno ha già ipotizzato, fosse stato invitato a parlare il Dalai Lama?

    Boselli e Pannella, essendo entrambi al Governo parlano come se fossero dei “prigionieri politici”, ma la realtà è che occupano posizioni di rilievo all’interno del “Palazzo”, il signor Pannella in particolare poi con la famosa Radio radicale è tutto fuorché muto.

    Boselli invece definisce quelle alla Sapienza “manifestazioni di protesta nei limiti della legge”, ma allora? scusate, da quando in qua occupare un ateneo rientra nei limiti della legge?

    Coloro che tanto odiano gli americani devono sapere che negli Stati Uniti, alla prestigiosa Columbia University, si lascia parlare il Presidente iraniano Ahmadinejad, il negazionista per eccellenza della Shoah e persino dell’omosessualità nel suo paese, che definisce “un fenomeno tipicamente occidentale ed in particolar modo anglosassone”.

    In Italia è stato impedito a Benedetto XVI di parlare, e questo a priori, prima di sentire cosa avesse da dire, accusandolo di essere contro la scienza ed attribuendogli una frase non sua estrapolata e decontestualizzata da un ben più ampio discorso che diceva esattamente l’opposto, e questo solo a fini strumentali.

  4. QueerZone Says:

    Concordo: “alla prestigiosa Columbia University, si lascia parlare il Presidente iraniano Ahmadinejad” > ma credete forse che Ahmadinejad non sia STATO CONTESTATO? Eppure lui ha accettato il dialogo e si è presentato di fronte alle critiche di chi non la pensa come lui.
    Il Papa invece ha ritenuto fosse meglio “soprassedere”…

    Cioè.. nn so forse non mi spiego… secondo me sarebbe stato giusto che il Papa andasse a parlare a La Sapienza, ma altrettanto giusto accettare un eventuale manifestazione di dissenso… Non così: mi pare molto comoda, rifiutare di andare e poi gridare a tutti MI VOGLIONO FAR TACERE. Non trovate?

  5. Gennaio, brutto mese per i sovrani… « Lampi di pensiero Says:

    […] altri interventi (pochissimi) interventi si possono consultare qui. Giudicate […]

  6. vaticandiplomacy Says:

    L’errore di fondo sta nel fatto che l’altra parte pensi appunto che il papa anziché presentarsi e dialogare abbia deciso di “soprassedere” per evitare
    il confronto, e questa è un’altra bugia costruita ad arte.

    Prima di argomentare la difesa posto un estratto della lettera del card. Bertone al Rettore Guarini:

    “Essendo purtroppo venuti meno, per iniziativa di un gruppo decisamente minoritario di
    Professori e di alunni, i presupposti per un’accoglienza dignitosa e tranquilla, è stato giudicato
    opportuno soprassedere alla prevista visita per togliere ogni pretesto a manifestazioni che si
    sarebbero rivelate incresciose per tutti.”

    Ecco qua! la vera ragione per cui Ratzinger ha deciso di non intervenire sono le offese rivolte a lui ma in Primis alla fede che rappresenta!

    Parole assai violente ed offensive prime fra tutte “Frocessione” (con tanto di rito…) proseguendo con altre del tipo “La Sapienza ostaggio del Papa” “Fuori il Papa dall’università” il Papa odia l’università” e “Il papa viene all’Università – ma anche no”

    Parole che non possono e non devono essere definite come “di contestazione” visto che a priori non lo si voleva neppure far parlare mettendogli in bocca frasi non sue, e smentendo dunque la studentessa (…e anche qualche portavoce) che ai Tg diceva:

    “Non non gli abbiamo detto di non venire, abbiamo solo detto che lo avremmo contestato, è lui che non si è fatto vivo perché non vuole il dialogo”

    Niente di più falso è questo!

    Queste fandonie sono ampiamente smentite dalla miriade di immagini che circolano in rete e per le quali ho intenzione di fare una pagina apposita.

  7. stratex Says:

    Sono l’autore di Lampi di pensiero, prima citato.

    Grazie della visita.
    Vorrei replicare all’intervento che hai scritto qui e da me, per doverosa replica e reciproca cortesia.

    Premetto, che i fatti che ho riferito sono tratti dalla stampa nazionale ed estera, da fonti pubbliche e dai resoconti parlamentari della Camera dei Deputati, oggettivi e riscontrabili.

    Era chiaro a tutti (leggendo il programma disponibile sul sito della Sapienza) che Benedetto XVI avrebbe tenuto un discorso, al quale nessuno avrebbe replicato. In sostanza avrebbe “pontificato”.
    La chiara intenzione degli studenti e dei professori, al di là di quanto si vede e si legge, per chi ha un po’ di buon senso, è lapalissianamente evidente che era quella di mettere in discussione il simbolo di un potere che è politico e religioso, che si basa sul dogmatismo e sulla presunzione di possedere la chiave della verità assoluta.
    E nella sede della più alta espressione del sapere nazionale, non è lontanamente tollerabile che vi possa essere un intervento privo di contradditorio da parte di un soggetto che è al vertice di una doppia gerarchia (politica e spirituale) dogmatica ed infallibile per definizione.

    Quindi, io non credo ai contestatori, ma ragiono con i miei principi ed i miei valori, che sono iscritti nella costituzione del mio stato, che io rispetto, accetto e difendo. E in quella costituzione ci sono scritte cose che valgono per tutti, no a senso unico. Per cui alla libera espressione del pensiero individuale, corrisponde la garanzia ovvia che il pensiero espresso da uno deve poter essere messo in discussione sullo stesso piano, con gli stessi mezzi e con la stessa risonanza da chi è contrario. Non è garantito il principio costituzionale se un capo di stato straniero che è presente quotidianamente su tutti i media nazionali va a tenere un discorso nella sede della prima università dello stato e non viene garantito il diritto a manifestare il dissenso. Semplice, chiaro, prevedibile.

    Benedetto XVI, per la solennità del suo magistero e della sua sacra e regale persona, non può essere messo in discussione dai sui fedeli (in tutto il mondo) e dai suoi sudditi (sul suo territorio).
    Docenti e discenti della Sapienza sono cittadini italiani in territorio italiano e hanno i diritti che gli garantisce la costituzione. E questi diritti non possono essere compressi a causa della sacralità (valore ignoto nella costituzione), né a causa dell’autorevolezza dell’ospite: sono stati contestati pubblicamente tutti i personaggi che non erano graditi, in tante forme. E le proteste sono state rese pubbliche dai media, doverosamente, insieme alla cronaca degli eventi cui partecipavano gli ospiti di “rango”, anche capi di stato. Il Dalai Lama, addirittura ha creato imbarazzo solo per capire chi e come lo doveva ricevere. Ed avrebbe goduto, invece, di un largo consenso di pubblico, considerando che le sue posizioni sono di accoglienza e comprensione, piuttosto che di imposizione e coercizione.

    Il Vaticano lamenta che non ci sarebbero stati i presupposti per un’accoglienza dignitosa e tranquilla a causa di pochi facinorosi, un gruppo decisamente minoritario. Ebbene, la differenza tra “loro” e “noi” sta proprio in questo: la minoranza non deve essere zittita e repressa, ma gli vanno garantiti gli spazi di espressione. Non farlo significa tutelare la “dignità” di una persona, a discapito di un valore e di un principio di valore universale (per le democrazie, ovviamente) quale quello della libera espressione del pensiero. Questo può risultare sgradito al capo dello Stato Città del Vaticano, ma sono le regole della Repubblica Italiana. E quando è in visita nelle nostre istituzioni, a quelle regole deve sottostare.
    Le manifestazioni adombrate dal Cardinale Bertone (affettuosamente da me definito Bertorquemada in altre occasioni), sarebbero state incresciose solo per il papa e per che lo aveva invitato, non certo per la larga parte di cittadini liberi, laici, democratici che le avrebbero accolte giudicando individualmente.

    Non corrisponde a verità il fatto che obiettivo della contestazione fosse la sua presenza: tant’è che la mediazione aveva portato alla decisione del rettore di garantire adeguati spazi di manifestazione all’interno della sede universitaria. Protesta che sarebbe stata gestita autonomamente dagli studenti e con i contenuti che essi avrebbero deciso di adottare. Oppure si voleva che anche la protesta fosse addomesticata?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: