Libano: Vaticano e Qatar indicati come possibili mediatori internazionali

BEIRUT – Domenica 11 maggio (Vatican Diplomacy). Fonti libanesi hanno riferito ieri all’agenzia di stampa Arabmonitor di una burrascosa telefonata intercorsa nella notte tra il segreterio generale della Lega araba Amr Moussa e il presidente del Parlamento libanese Nabih Berri. Quest’ultimo sarebbe stato minacciato da Moussa, il quale avrebbe ventilato provvedimenti contro Beirut se il potere dell’esecutivo Siniora non fosse stato ripristinato.

Il Partito democratico libanese guidato dal leader druso Talal Arslan ha fatto sapere ad Arabmonitor tramite il suo portavoce che la Lega araba non è nella condizione di dare lezioni di democrazia al Libano essendo diventata “un’associazione di piccole dittature”. Miliziani del movimento di Saad Hariri bloccano ancora il valico di Masnaa sulla strada che collega Beirut a Damasco, ma la rimozione del blocco è attesa a ore.

Sulle ipotesi di mediazione internazionale tra maggioranza e opposizione libanese, fonti politiche di Beirut hanno osservato che la Santa Sede e il Qatar sembrano al momento gli unici mediatori accettabili per entrambe le parti.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: