Posts contrassegnato dai tag ‘Iglesia’

The Vatican on YouTube

23 gennaio 2009

The Pope will soon be a regular on YouTube.

Starting on 23 January 2009, the Vatican will launch its own Channel on YouTubeTM, the world’s leading online video community. The Channel, available at www.youtube.com/vatican, will broadcast short video news clips updated daily on the Pope’s activities and what’s happening at the Vatican, with audio and text in English, Spanish, German and Italian. The Channel made its debut during a press conference at the Press Room of the Holy See, in Rome on the morning of Friday, January 23rd.

At launch, the Channel will contain some clips of Pope Benedict XVI, in particular on the Christmas Message and Blessing and on January 1st celebration of the World Peace Day, and about new technologies in social communication, the theme he choose for this year’s Catholic Church World Social Communication Day.

The motto for the day this year is “New technologies, new relationships: promoting a culture of respect, dialogue and friendship”, as explained by Mons. Claudio M. Celli, President of the Pontifical Council of Social Communication, while presenting the “Message” of Pope Benedict XVI for this Day.

The Catholic Church has ancient roots but it is convinced of its ability to express words that are still important and relevant in today’s world, using language and communications technologies of today’s world.

Father Federico Lombardi, Director of the Press Room, Television Center and Vatican Radio, contends that the launch of the Vatican Channel on YouTube is a real and tangible example of the Church’s commitment in the field of new technologies, to reach out to a global audience without regard for nationality or culture.

The Channel is expected to help establish relationships with Catholics from around the world, who will have easier access to updated information on what’s happening in their Church, as well as with people of different beliefs or religions, who can turn to an authoritative source to understand what messages the Pope is sending to humanity today.

Henrique de Castro, Managing Director of European Sales and Media Solutions, YouTube, said: “YouTube is a communications platform open to all, where users, institutions and content producers come together in a global meeting place. We are honoured that the Vatican has chosen to use the site to communicate with people across the world, and delighted that our community will have access to the words of the Pope on some of the most important issues facing the world today.”

The video news clips will be up to 2 minutes long and will be produced every day, based on what’s happening at the Vatican, with footage provided by the Vatican Television Center (CTV) in conjunction with journalists and the web team of Vatican Radio (RV).

For the translation in the different languages made available, CTV-RV is working with h2onews.org, a Catholic news service that focuses on the life of the Church, which in turn works with worldwide Catholic television stations and information agencies. H2onews will also be opening its own Channel on YouTube, dedicated to video news on the Catholic Church around the world.

The concept of social communication developed by the Catholic Church is based on extensive cooperation and incorporation of many views, not only from the Vatican, but also local churches and other initiatives, which thrive in the Catholic world. The Pontifical Council for Social Communication acts a guide and promoter in this partnership.

The daily feed from the Vatican is made up of short video clips of current events. In the future, YouTube is a likely arena for disseminating broader contributions (i.e., video clips of events with natural sound).

Vatikan eröffnet eigenen Kanal auf YouTube

23 gennaio 2009

Hamburg/Rom, 23. Januar 2009 – Papst Benedikt XVI. zeigt sich ab sofort regelmäßig auf YouTube. Seit den Morgenstunden des 23. Januar ist der Vatikan mit einem eigenen Kanal auf YouTube vertreten, der weltweit führenden Onlinevideo-Plattform mit Millionen Nutzern aus aller Welt. Der offizielle Vatikan-Kanal wird unter www.youtube.com/vatican täglich Nachrichtenbeiträge über die Aktivitäten des Papstes und das Geschehen im Vatikan zeigen – unterlegt mit Audio-Inhalten und Texten in Englisch, Spanisch, Deutsch und Italienisch. Sein Debüt feierte der Kanal auf einer Pressekonferenz im Presseamt des Heiligen Stuhls in Rom. 

Zur Eröffnung der neuen Kommunikationsplattform sind erste Videos von Papst Benedikt XVI. zu sehen, insbesondere von der Weihnachtsbotschaft und Segnung sowie von den Feierlichkeiten zum Weltfriedenstag am 1. Januar. Zudem spricht der Papst über neue Technologien der sozialen Kommunikation – das Thema, das er für den diesjährigen „Welttag der Sozialen Kommunikationsmittel“ gewählt hat.  

Das diesjährige Thema dieses Welttags lautet „Neue Technologien – neue Verbindungen. Für eine Kultur des Respekts, des Dialogs, der Freundschaft“, so die Erklärung von Erzbischof Claudio Maria Celli, Präsident des Päpstlichen Rates für die sozialen Kommunikationsmittel, während er die Botschaft von Papst Benedikt XVI. für diesen Tag verkündete. 

Nach Aussagen von Pater Federico Lombardi, Direktor des Presseamts, des Fernsehzentrums und des Radios des Vatikans, ist der Start des päpstlichen Kanals auf YouTube ein echtes und konkretes Beispiel für das Engagement der Kirche im Bereich der neuen Technologien, um ein weltweites Publikum unabhängig von ihrer Nationalität und Kultur zu erreichen. 

Die katholische Kirche hat weit in die Vergangenheit reichende Wurzeln. Und sie ist überzeugt, auch in der heutigen Welt Worte von Relevanz und Wichtigkeit zu verkünden und dabei die Sprache und Kommunikationsmittel der Moderne zu nutzen.Der Vatikan-Kanal soll dabei helfen, Verbindung mit Katholiken auf der ganzen Welt aufzubauen, indem er einen einfachen Zugriff auf aktuelle Informationen über ihre Kirche ermöglicht. Zudem bietet er Menschen verschiedener Glaubensrichtungen und Religionen eine verlässliche Quelle für die Botschaften des Papstes in der heutigen Zeit. 

Henrique de Castro, Managing Director of European Sales and Media Solutions bei Google: „YouTube ist eine Kommunikationsplattform, die allen offen steht. Nutzer, Institutionen und Autoren treffen hier global zusammen. Wir fühlen uns geehrt, dass der Vatikan YouTube ausgewählt hat, um mit Menschen auf der ganzen Welt in Kontakt zu treten. Und wir freuen uns, dass unsere Nutzer Zugang zu den Worten des Papstes zu wichtigen aktuellen Themen erhalten.“ 

Die Nachrichtenclips werden eine Länge von bis zu zwei Minuten haben und jeden Tag produziert. Neuigkeiten über die Geschehnisse im Vatikan werden mit Material vom Fernsehzentrum des Vatikans (CTV) sowie von Journalisten und dem Internetteam von Radio Vatikan (RV) unterlegt. Zu Großereignissen sollen auch umfassendere Beiträge im Originalton verbreitet werden. 

Um die Übersetzung in die verschiedenen Sprachen zu gewährleisten, arbeitet CTV-RV mit h2onews zusammen, einem katholischen Nachrichtendienst, der über das alltägliche Geschehen in der Kirche berichtet und dafür weltweit mit katholischen Fernsehsendern und Informationsagenturen zusammenarbeitet. h2onews wird ebenfalls einen eigenen Kanal auf YouTube eröffnen und Videonachrichten rund um die katholische Kirche ausstrahlen. 

Das von der katholischen Kirche entwickelte Konzept der sozialen Kommunikation basiert auf einer umfassenden Kooperation und der Vereinigung verschiedener Ansichten – nicht nur die des Vatikans, sondern auch lokaler Kirchen und anderer Initiativen, die ihren Platz in der katholischen Welt gefunden haben. Der Päpstliche Rat für die sozialen Kommunikationsmittel agiert als Lenkungsorgan und Förderer im Rahmen dieser Partnerschaft.

El Vaticano en YouTube

23 gennaio 2009

El Papa será próximamente una personalidad habitual en YouTube.

A partir del 23 de enero de 2009, el Vaticano dispondrá de su propio canal en YouTubeTM, la principal comunidad de vídeos online del mundo. El canal se podrá visitar en www.youtube.es/vaticanes y emitirá noticias breves en vídeo sobre las actividades del Papa y los acontecimientos del Vaticano que se actualizarán diariamente e incluirá contenido en inglés, español, alemán e italiano. El lanzamiento de este canal se anuncia durante una rueda de prensa que tiene lugar hoy, día 23 de enero, en la Sala de Prensa de la Santa Sede en Roma.

En el momento de su lanzamiento, el canal ofrecerá algunos vídeos sobre el Papa Benedicto XVI, en especial el de su mensaje de Navidad y el de la celebración el 1 de enero del Día Mundial de la Paz, y sobre las nuevas tecnologías en la comunicación social, tema que ha elegido para la Jornada Mundial de las Comunicaciones Sociales de la Iglesia Católica.

El lema de este año es “Nuevas tecnologías, nuevas relaciones: la promoción de una cultura de respeto, diálogo y amistad”, según afirmaba monseñor Claudio M. Celli, Presidente del Consejo Pontificio para las Comunicaciones Sociales, mientras presentaba el “mensaje” del Papa Benedicto XVI para esta Jornada.

La Iglesia Católica tiene unas raíces milenarias pero cree firmemente en su capacidad de expresar palabras que aún son importantes en el mundo actual mediante el lenguaje y las tecnologías de la comunicación de hoy en día.

El padre Federico Lombardi, Director de la Sala de Prensa, del Centro Televisivo y de Radio Vaticano, mantiene que el lanzamiento del canal de la Santa Sede en YouTube es un ejemplo real y tangible del compromiso de la Iglesia en el ámbito de las nuevas tecnologías, que pretende llegar a una audiencia global sin distinción de nacionalidad o cultura.

Se espera que el canal favorezca la relación con los católicos del mundo, que podrán acceder con mayor facilidad a una información actualizada sobre lo que ocurre en su Iglesia, así como con gente de otras creencias o religiones, que podrán apoyarse en una fuente con autoridad para entender los mensajes que el Papa dedica hoy en día a la humanidad.

Henrique de Castro, Director Gerente de Soluciones de Ventas y Medios de Comunicación Europeos de YouTube, afirmó: “YouTube es una plataforma de comunicación abierta a todos, donde se reúnen de forma global tanto usuarios, como instituciones y productores de contenido. Nos complace que el Vaticano haya decidido utilizar esta plataforma para comunicarse con los pueblos del mundo y nos satisface que nuestra comunidad pueda disponer de las palabras del Papa sobre algunos de los problemas más importantes que el mundo afronta en la actualidad.”

Las noticias en vídeo tendrán una duración máxima de 2 minutos y se producirán cada día, en virtud de lo que ocurra en el Vaticano. El Centro Televisivo Vaticano (CTV) ofrecerá imágenes en colaboración con los periodistas y el equipo web de la Radio Vaticano (RV).

Para facilitar la traducción a los diferentes idiomas, CTV-RV colabora con h2onews.org, un servicio informativo de carácter católico que se especializa en la vida de la Iglesia, y que a su vez colabora con cadenas y agencias de información católicas de todo el mundo. H2onews también abrirá su propio canal en YouTube, que ofrecerá noticias en vídeo sobre la Iglesia Católica en todo el mundo.

El concepto de comunicación social desarrollado por la Iglesia Católica se sustenta en una amplia cooperación y en la incorporación de muchas perspectivas distintas (no sólo la del Vaticano, sino también la de las iglesias locales y otras iniciativas que se fomentan en el mundo católico). El Consejo Pontificio para las Comunicaciones Sociales actúa como guía y promotor de esta participación.

Las actualizaciones diarias del Vaticano se compondrán de breves vídeos sobre acontecimientos de actualidad. Es probable que en el futuro YouTube se convierta en un foro para difundir aportaciones más amplias (como por ejemplo, vídeos de acontecimientos con sonido real).

Zapatero e Bertone, incontro segreto per riaprire il dialogo

12 giugno 2008

CITTA’ DEL VATICANO – Giovedì, 12 giugno 2008 (Vatican Diplomacy). Riproponiamo un interessante articolo apparso quest’oggi sul sito della rivista “Panorama”:

* * *

Il premier José Luis Zapatero

Prove tecniche di ricucitura tra Zapatero e il Vaticano. Secondo El Paìs, che cita un articolo apparso sulla rivista di ispirazione cattolica Vida Nueva, il presidente spagnolo ha incontrato il segretario di Stato Vaticano Tarcisio Bertone, a Roma la settimana scorsa durante il summit della Fao. Un incontro “discreto”, lontano dai riflettori, non confermato dal governo spagnolo. Ma l’autore dell’articolo sul settimanale cattolico è Antonio Pelayo, sacerdote e responsabile di questioni religiose nell’ambasciata di Spagna in Vaticano
Il premier socialista ha avuto in passato più di un dissapore con le gerarchie ecclesiastiche in Spagna, tanto che il segretario della conferenza episcopale iberica, l’arcivescovo di Madrid Antonio Maria Rouco Varela, si schierò esplicitamente contro il Psoe durante l’ultima campagna elettorale.”Non votate per chi disprezza la famiglia” esortò il milione di fedeli riuniti durante una manifestazione “per la libertà religiosa” convocata dai vescovi a Madrid lo scorso 30 dicembre per protestare contro le politiche del governo. Per non parlare degli strali che ogni mattina vengono lanciati dalla radio della conferenza episcopale, la Cope, (5 milioni di ascoltatori) dal polemico conduttore Federico Jimenez Losantos, ex comunista convertitosi nel più feroce oppositore del Zapaterismo, “rojo y masòn”. In particolare alla Chiesa sono andate di traverso l’approvazione del matrimonio omosessuale, l’ istituzione di una materia scolastica obbligatoria (educazione civica) considerata “laicista” e le polemiche sulle scuole private. Sempre durante la campagna elettorale Pepe Blanco, il coordinatore dei socialisti spagnoli, si diresse ai vescovi con durezza: “O si presentano alle elezioni o si tengano fuori dalla politica” e, riferendosi ai contributi statali per le scuole cattoliche, minacciò “bisognerà rivederli”.
Insomma, uno scontro a tutto campo. Poi, dopo le elezioni, vinte da Zapatero, un lento riavvicinamento con dichiarazioni più concilianti da parte del premier e della Chiesa. Un processo di cui l’incontro semisegreto tra il presidente spagnolo e il “numero 2″ Vaticano potrebbe essere l’inizio.

© Panorama – Edizione digitale – 12 giugno 2008, articolo disponibile qui.

Vaticano: Delusione per i risultati del Vertice FAO

6 giugno 2008

CITTA’ DEL VATICANO – Venerdì, 6 giugno 2008 (Vatican Diplomacy). Pubblichiamo in anteprima gli articoli che appariranno sull’Osservatore Romano di domani 7 giugno:

* * *

I risultati del vertice della Fao

Tante parole
Nessuna soluzione

Alla fine hanno prevalso le divisioni e gli interessi particolari. Sono state spese molte parole, ma – dopo tre giorni di lavori – nessuna vera soluzione è stata proposta dal vertice internazionale della Fao sulla sicurezza alimentare. Ottocento milioni di persone nel mondo ancora attendono una risposta alla tragedia della fame. In silenzio.

Nella dichiarazione finale, approvata dal comitato plenario, temi chiave quali la regolamentazione dei prezzi sul mercato agricolo internazionale, l’uso delle bioenergie, la speculazione sui costi dei generi alimentari, le misure per un coinvolgimento diretto dei piccoli agricoltori e della società civile, non sono stati nemmeno toccati o sono stati trattati solo superficialmente. Molti osservatori rilevano che è mancata una seria volontà politica di cambiare le cose, il coraggio di assumersi impegni forti. In tanti hanno già sollevato domande circa la vera utilità della stessa Fao, o quantomeno la necessità di una sua profonda riforma.

Nel discorso di apertura del vertice il direttore generale, Jacques Diouf, aveva informato che per fermare la crisi sarebbero serviti trenta miliardi di dollari l’anno. Due giorni dopo ha annunciato che sono stati raccolti poco più di otto miliardi di dollari e ha elencato tante promesse di donazioni. Una cifra inattesa per la sua modestia – si è giustificato Diouf – considerando però che il vertice di Roma non è stata una conferenza di donatori. Tutto sommato i risultati del vertice sono stati soddisfacenti, ha detto Diouf, senza tuttavia specificare l’uso della somma raccolta.

Ma, secondo alcuni, la realtà è ben diversa. Nella dichiarazione finale ci si è limitati a esortare i Governi e le organizzazioni internazionali “a cogliere a pieno un quadro di politica di sostegno ai poveri nelle zone rurali, sub-urbane e urbane e per i mezzi di sostegno nei Paesi in via di sviluppo e per aumentare gli investimenti in agricoltura”. Parole queste che sono state interpretate come impegni generici, quasi giochi semantici che alla fine lasciano ai singoli Governi la libertà di decidere le misure da adottare.

Stessa conclusione su terreni ben più decisivi. Anzitutto le bioenergie, definite “sfide e opportunità” e in merito alle quali la dichiarazione finale auspica la realizzazione di studi approfonditi per garantirne l’ecocompatibilità. Nessun accenno invece a misure politiche concrete che ne regolamentino la gestione – quali cereali usare per produrre energia e quali no – e la diffusione: se debbano essere prodotti e usati solo localmente o possano essere esportati.

Altra domanda rimasta senza risposta è quella sulla liberalizzazione del commercio agricolo. A questo proposito la dichiarazione incoraggia a proseguire gli sforzi chiedendo la riduzione delle barriere commerciali e delle distorsioni politiche. Su questo punto si è levata la protesta dell’Argentina, che si è opposta alla riduzione dei dazi, rivendicando il diritto di stabilire liberamente il prezzo delle esportazioni dei suoi prodotti.

Il vertice ha dunque mancato molti dei suoi obiettivi. Eppure, una chiara indicazione sui modi per uscire dalla crisi era giunta dal messaggio di Benedetto XVI. Le riforme strutturali in esso auspicate per non arrendersi alla fame sembrano essere state le uniche soluzioni concrete proposte durante il summit.

* * *

Il documento approvato per acclamazione ma con le espressioni di dissenso di alcune delegazioni

I «se» e i «ma»
della dichiarazione finale del vertice Fao

Roma, 6. Alla fine di una giornata segnata da continui rinvii sulla proclamazione del documento finale, si è concluso ieri, a Roma, il vertice internazionale della Fao sulla sicurezza alimentare. La dichiarazione finale è stata approvata per acclamazione, ma alcune delegazioni hanno chiesto che le loro espressioni di dissenso su specifici punti fossero messe agli atti dei lavori.

L’Unione europea ha chiesto la sospensione dei lavori. Lo ha annunciato il ministro dell’Agricoltura della Repubblica Domenicana che aveva riunito nella sala plenaria del palazzo Fao i delegati presenti. “Come sapete – ha detto – rispondendo ad un rappresentante che chiedeva se si potesse procedere alle votazioni del documento, le procedure Fao prevedono che, quando una parte chiede una sospensione, bisogna ottemperare”.

Nella dichiarazione finale, i delegati hanno definito “essenziale procedere lungo due linee principali”. La prima è “rispondere urgentemente alle richieste di assistenza da parte dei Paesi colpiti”. A tal fine, le agenzie delle Nazioni Unite coinvolte dovrebbero garantire di espandere le risorse per migliorare l’assistenza alimentare, mentre le organizzazioni regionali dovrebbero rafforzare la loro cooperazione per fare fronte in modo efficace all’aumento dei prezzi alimentari.

La seconda linea d’azione riguarda l’immediato sostegno per la produzione agricola e il commercio. In quest’ambito si incoraggia l’iniziativa della Fao, lanciata il 17 dicembre 2007, per misure rivolte agli agricoltori a basso reddito alimentare, attraverso la fornitura di fertilizzanti, mangimi per animali e altri fattori di produzione, così come l’assistenza tecnica, al fine di aumentare la produzione agricola.

Tra le misure considerate necessarie, il documento cita altresì la revisione del debito internazionale dei Paesi in stato di necessità e la semplificazione da parte degli istituti finanziari internazionali delle procedure di ammissibilità degli attuali meccanismi finanziari per sostenere l’agricoltura e l’ambiente.

Le misure suggerite dal documento prevedono che le agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni regionali, come l’Asean, garantiscano l’espansione delle risorse per migliorare la loro assistenza alimentare e per sostenere le “reti di sicurezza” per fame e malnutrizione. Sulla questione degli organismi geneticamente modificati (ogm) il documento non si pronuncia, non potendo entrare nelle politiche nazionali.

Quanto al tema più scottante, quello delle politiche di limitazione e di dazi sulle importazioni applicate da alcuni Paesi in chiave protezionistica e che hanno pesato negli ultimi mesi sull’impennata dei prezzi, il documento si limita a invitare “a prendere iniziative per moderare le fluttuazioni dei prezzi”. Sui biocarburanti è stato lo stesso direttore generale della Fao Jacques Diouf – che pure ha parlato di “risultati all’altezza delle aspettative” del vertice – ad ammettere che l’accordo è stato raggiunto solo sul “minimo comune denominatore”.

Nel documento non c’è traccia né riferimenti alla convenzione quadro sul clima alla quale hanno aderito gran parte degli Stati membri, come ha fatto notare il delegato venezuelano. Anche la delegazione cubana ha sottolineato tale punto, denunciando la mancata denuncia dell’effetto sui cambianmenti climatici “degli insostenibili standard di produzione e di consumo del nord”.

Particolarmente critiche, come era nelle previsioni, sono state infatti le delegazioni sudamericane. Argentina, Venezuela e Cuba hanno dato il via libera con riserva al testo del documento finale del vertice, ma hanno espresso forti critiche e contestato l’analisi, le misure e l’effettività degli impegni presi. La delegazione argentina si è opposta, tra l’altro, a ogni implicito avallo delle limitazioni sulle esportazioni agricole. Anche la delegazione cubana, come altre, ha lamentato che nel documento non si faccia riferimento a “l’impatto dei sussidi agricoli e del controllo monopolista della distribuzione degli alimenti nella rovina di molti agricoltori del sud”. Sempre la dichiarazione cubana ha denunciato la “sinistra strategia di convertire il grano e i cereali in conbustibili” e le “conseguenze della speculazione finanziaria nell’aumento dei prezzi dei generi alimentari”.

Anche il Venezuela ha lamentato la mancanza di un impegno strutturale per vincere il “nemico fame”. Argentina, Cuba e Venezuela hanno chiesto che le loro dichiarazioni di dissenso sull’intero documento approvato dall’assemblea fossero allegate alle conclusioni dei lavori, mentre la delegazione dell’Ecuador ha accettato il documento sottolineando però che il suo, come quello di molti altri Paesi, non è un silenzio-assenso.

Più amare sono state le dichiarazioni delle delegazioni dei Paesi dell’Africa, il continente più colpito dalla tragedia della fame. In particolare, la delegata dello Zambia ha ricordato che “la fame non va ridotta ad un gioco semantico”.

Su un punto, comunque, l’accordo è stato trovato: quello cioè che la fame crea rivolte e instabilità. Il fatto nuovo è che lo fa sia nei Paesi poveri sia in quelli considerati sviluppati, come ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon. Proprio il richiamo dei disordini sociali ha convinto i capi di Stato e di Governo che bisogna agire subito e agire insieme con “azioni di lotta coordinate” nei Paesi in via di sviluppo e quelli in transizione.

In ogni caso, anche alcuni tra i Paesi più critici hanno sottolineato che il vertice ha avuto il merito di mettere in luce la gravità dei problemi. In questo senso, ad esempio, si è espresso il vicepresidente cubano José Ramón Machado Ventura, in un’intervista rilasciata al quotidiano “Granma” dopo aver essere stato ricevuto ieri in Vaticano dal cardinale Tarciso Bertone, segretario di Stato.

Nell’intervista, Machado Ventura ha fatto riferimento al messaggio di Benedetto XVI letto dal cardinale Bertone nella giornata inaugurale del vertice, martedì 3, messaggio nel quale il Papa sottolinea come fame e denutrizione siano inaccettabili in un mondo che dispone di livelli di produzione, risorse e conoscenze sufficienti per porre fine a questo dramma e alle sue conseguenze.

© Copyright L’Osservatore Romano – 7 giugno 2008


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.